La formazione del personale nell’ambito dei controlli con ultrasuoni airborne o solid borne è normata dalla UNI EN ISO 18436-8, per la quale SAIGE tiene corsi di formazione teorica e pratica in categoria 1+2 con esame finale di categoria 2 da parte dell’ente Bureau Veritas.

Il nostro prossimo corso di ultrasuoni di cat. 1+2 con accesso all’esame finale di cat. 2 è programmato:

  • dal 10 al 14 giugno 2019 a Salò (BS)

Se invece desiderate un corso non certificato finalizzato solo all’individuazione delle perdite di aria compressa, potete partecipare al corso del 20 novembre 2019 a Salò (BS).

Per informazioni ed iscrizioni scrivi a:

Nome

Cognome

Email

Telefono

Titolo di Studio

Settore di interesse

Scrivi la tua richiesta

Inviando la richiesta di preventivo si accette la nostra Politica sulla Privacy

Si  chiarisce che la norma UNI EN ISO 18436-8, come le altre norme della famiglia 18436-X, nulla ha a che vedere con la UNI EN ISO 9712, e che le certificazioni rilasciate da alcuni enti che richiamano entrambe le norme non sono formalmente corrette.

Per accedere all’esame è necessario essere in possesso di un test audiometrico tonale con risultato di 25 db o migliore.

Per una panoramica delle tecniche di manutenzione predittiva – condition monitoring guarda anche la nostra pagina:

http://www.saige.it/it_IT/manutenzione-predittiva/

Scarica qui il programma del corso di cat.1+2:

https://www.dropbox.com/s/k56xowpiy7g2r7d/programma%20corso%20ultrasuoni%20cat%201%2B2.pdf?dl=0

___________________________________________________________________

Gli ultrasuoni sono i rumori, che si trasmettono in aria (air borne) ma anche per via solida (solid borne) a frequenze superiori a quelle udibili dall’orecchio umano.

Questi rumori, se captati da appositi sensori e convertiti con tecniche elettroniche basate sulla trasformata di Fourier (eterodinia) in frequenze udibili che mantengano la stessa “firma sonora”, consentono ad un operatore addestrato di desumere importanti informazioni in merito al funzionamento di macchine ed impianti, e quindi costituiscono una tecnica di condition monitoring che consente la valutazione precoce del “segnale debole” di guasto incipiente.

Gli ultrasuoni sono un tecnica di manutenzione predittiva o manutenzione su condizione complementare alle altre tecniche, applicabile in situazioni che rendono le altre non utilizzabili: leggi il nostro articolo di approfondimento su un paio di applicazioni:

https://www.dropbox.com/s/xev25vb1zpufyvl/ARTICOLO%20ULTRASUONI%20AIRBORNE%20TERMOGRAFIA.pdf?dl=0

Le principali applicazioni degli ultrasuoni sono le seguenti:

  • valutazione corretto funzionamento scaricatori di condensa
  • ricerca perdite aria compressa ed in genere in circuiti in pressione ed a vuoto
  • ricerca effetto corona e tracking in impianti elettrici media e alta tensione, anche a quadri o trasformatori chiusi
  • ricerca di problemi meccanici in macchine rotanti (cuscinetti, etc.)